Come ricordare in modo efficace tutto (o quasi)

Ultimamente mi sto “cimentando” con una strana materia dal nome di  Pnl (programmazione neuro linguistica) e nel trovare molto interesse su questa “strana materia” mi sono imposto l’obiettivo di “spingermi” con le mie ricerche tanto che  quest’anno ho deciso di dare un “bel colpo” alla mia crescita personale formandomi con molti testi inerenti a questa materia, da tempo ormai mi reco su Amazon per acquistare libri su libri di pnl per apprendere sempre più concetti e per imparare sempre di più.

Nel mio ultimo lotto acquistato ho avuto il piacere di avere tra le mani il libro “impara come einstain” e mi devi credere che nonostante la semplicità del testo ho trovato subito un concetto utile proprio all’inizio…si ti confesso che non ho ancora terminato il libro (nonostante io sia un accanito lettore) ma ho sospeso la lettura perché volevo condividere con te questa prima tecnica e chissà forse più avanti (sempre se trovo qualcosa di interessante nel libro) condividerò qualche altro “trucco” che il lettore gentilmente ci ha fatto scoprire.

Allora prima di iniziare la lettura dimmi…

Sei uno studente universitario che dimentica spesso ciò che studia ?

Sei un imprenditore che dimentica delle importanti nozioni di lavoro ?

Sei una casalinga che dimentica come accendere la nuova asciugatrice ?

Perfetto successivamente ti “spiffero” qualche consiglio che spero ti aiuti a migliorare il tuo apprendimento, e che ti renda più abile nell assimilare informazioni in modo da farti risparmiare tanto tempo e guadagnare innumerevoli vantaggi.

Non temere non dobbiamo laurearci in neurologia…

Non ti preoccupare questi sono dei concetti semplici da assorbire, forse alcuni li troverai scontati o persino inutili, ma ti posso assicurare che personalmente ho riscontrato una vera utilità in tutti i consigli, e da subito ho deciso di “farli miei” per rimembrare nel miglior modo quello che leggo oppure quello che apprendo durante la mia vita ( almeno ci provo ma non garantisco nulla)

Ecco delle azioni “segrete” ma non troppo che ti aiuteranno a ricordare tutto…forse.

Secondo uno studio, queste sono le percentuali (circa) di apprendimento che un comune mortale come me raggiunge nel momento dell’apprendimento

  • Si trattiene il 5% delle informazioni quando ascolti una conferenza
  • Si trattiene il 10% quando si legge
  • Si trattiene il 20% tramite il processo audiovisivo
  • Si trattiene il 30% quando ci dimostrano qualcosa
  • Si trattiene il 50% ad una discussione di gruppo
  • Si trattiene il 75% quado si fa qualcosa
  • Si trattiene il 90% insegnando agli altri

Ok dopo questa “strana” statistica possiamo capire che quando cerchiamo di spiegare qualcosa a qualcuno tratteniamo nella nostra “testolina” il 90% e questo dovrebbe farci riflettere molto, tutto questo potrebbe essere un ottimo metodo per apprendere al meglio.

Dopo questa statistica possiamo elaborare la nostra personale strategia.

Ora é vero che ognuno di noi é diverso e non tutti abbiamo lo stesso quoziente intellettivo, e non tutti apprendiamo allo stesso modo, ma per nostra fortuna imparando a conoscerci possiamo testare su noi stessi metodi su metodi fino a quando non abbiamo la certezza che la nostra strategia “autocreata” possa funzionare in maniera ottimale.

Lo studio su me stesso e la prima tecnica.

Dopo aver studiato questo paragrafo su questo libro, ho deciso di rivoluzionare il mio metodo di apprendimento e di iniziare l’esperimento immediatamente. Come sai, condivido informazioni di continuo e apprendere informazioni per me é importantissimo, proprio per questo ho deciso di attenuare questa tecnica segreta ( mi raccomando non dirla ad anima viva 🙂 ) :

  • lettura
  • Condivisione contenuto
  • Spiegare il tutto al pubblico o privatamente

Spero che tutto questo possa funzionare e per farti capire come ho elaborato questa tecnica voglio spiegarti ogni voce in dettaglio.

Nel primo pallino qui in alto, ho inserito “lettura” ma potrebbe essere anche frequentazione di un corso di formazione o esperienza di vita; quindi ogni qual volta apprendo qualcosa di nuovo indipendentemente dal contesto mi fermo e passo successivamente al “pallino due” ovvero “Condivisione del contenuto. Per “condivisione del contenuto” intendo la scrittura immediata di un articolo ( si proprio in questo blog) quando avrò pubblicato il mio articolo allora passerò a spiegare quello che ho appreso e quello che ho scritto (magari tramite un video su YouTube).

Domanda… se non si é YouTuber o Blogger ? Che cosa si fa ?

La risposta a questa domanda é semplice… Purtroppo non tutti siamo scrittori o Youtuber ma una cosa é certa, tutti noi possiamo aprire un account su google doc e iniziare a scrivere quello che abbiamo imparato. Anche se non siamo propensi ad aprire  il nostro canale su YouTube possiamo comunque accendere il nostro smartphone e iniziare a riprenderci durante la ripresa, dobbiamo spiegare ciò che abbiamo imparato e perché no successivamente rivedere il video per “assimilare” meglio delle preziose informazioni.

Per concludere.

Queste tecniche sembrano “scontate” ma non sono di sicuro inefficaci… Grazie ad esse possiamo prepararci al meglio per un esame all’università oppure preparare un ottimo discorso prima di un meeting lavorativo e nel caso non dovessimo spiegare a qualcuno ciò che abbiamo appreso possiamo sfruttare le stesse per assimilare al meglio i concetti che riteniamo importanti.

Detto questo io ti mando un grande saluto e con “la scusa” ti invito a leggere ulteriori miei articoli interessanti:

Gestione del tempo, impara a gestirlo al meglio.

5 abitudini pro positive che mi hanno aiutato ad ottenere buoni risultati.

Meditazione e i suoi benefici.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.