Guadagnare e investire senza partita iva Parte#4 (scrivere un libro)

é da tempo che vorresti farlo e finalmente ti sei decisa/deciso…




Hai deciso di iniziare a scrivere paragrafo dopo paragrafo, capitolo dopo capitolo, con la vera intenzione di completare definitivamente il tuo libro. Non vedi l’ora finalmente di avere tra le mani  la tua opera in modo da mostrarla ad amici e parenti, oppure vorresti offrire la tua opera ai tuoi clienti e  darti cosi quel tocco di professionalità in più che meriti e diventare realmente autorevole nel tuo campo.

Io sono uno che crede ancora nei libri, tanto che in un anno cerco di leggere dai 30 ai 50 libri ( dipende comunque da molteplici fattori) e anche se ora sono arrivato a pubblicare 4 libri grazie al self publishing, vorrei parlare di questo meraviglioso sistema che apre immense possibilità a chiunque. Forse non sarai a “digiuno” di queste tematiche perché hai avuto modo di studiare quanto detto oppure avrai letto il mio articolo sul mio blog:

(come scrivere un libro in 30gg)

Ma anche se hai letto tutti i miei articoli oppure hai esperienza, o hai già pubblicato il tuo libro, andiamo a “farci” ugualmente questa bella ripassata per capire davvero cosa comporta la pubblicazione di un libro, e come comportarsi con il fisco senza incombere in alcun errore.

Un libro é un business ?

Anche se prenderai in considerazione l’idea di pubblicare un libro, magari sfruttando il kdp di Amazon e affidarti al self publishing, dovrai capire che pubblicare un libro oggi, comporta ad alcuni vantaggi e (purtroppo) a dei falsi miti che girano sul web.

Quando pubblicherai il tuo libro, oppure i tuoi libri, non dovrai preoccuparti più di nulla, dovrai impegnarti un unica volta per creare una piccola o grande rendita automatica. Purtroppo ne io ne nessun altro abbiamo tra le mani una “palla di vetro”, e cosi può darsi che tu con la scrittura di un libro riesca a generare una buona rendita residuale, oppure come capita nella stragrande maggioranza dei casi, avrai pubblicato la tua opera e rimarrà li, senza richiesta e quindi senza essere venduta.

Un libro per il tuo business.

Vorrei consigliarti di pubblicare il tuo libro e di creare un testo partendo da zero, e ti consiglio di dedicare il tuo primo libro al tuo business o al tuo impiego.

Perché ti sto offrendo questo consiglio ?




Ti pongo un esempio  pratico… nel caso volessi specializzarti in WordPress (giusto per fare un esempio) e vorresti iniziare a lavorare e offrire cosi dei servizi con questa piattaforma, allora il mio consiglio é di specializzarti al meglio su questa tematica, magari puoi migliorare le tue abilità  partecipando a dei corsi di formazione, acquistando libri e video corsi, una volta che otterrai dei risultati veri e sarai certo di essere portato per questo lavoro allora potrai iniziare a mettere “mani su tastiera”, e iniziare a scrivere la tua opera.

Il mio consiglio é di scrivere un libro che sia strettamente correlato al tuo business, e successivamente utilizzarlo al meglio per promuovere la tua attività.

Se vorrai realizzare siti, oppure blog con WordPress, il tuo libro potrebbe offrirti molte chance. Potrebbe divenire il tuo biglietto da visita da poter offrire ai tuoi potenziali clienti. E stai attento/a che per farsi dell’ottima pubblicità il tuo libro potrebbe essere un ottimo strumento; potrai persino regalarlo e offrirlo al posto di un normale biglietto da visita.

Pensaci su un attimo… nel caso volessi promuovere te o la tua attività il libro potrebbe essere un ottimo incentivo a differenza dei comuni biglietti da visita che nella stragrande maggioranza dei casi, finiscono in qualche parte della nostra casa dimenticati in qualche cassetto, o peggio, potrebbero finire dentro il secchio della spazzatura.

Voglio pubblicare il mio libro ma come devo fare con il fisco ?

Beh, quando hai pubblicato il tuo libro dovrai lasciarlo nella tua vetrina e ogni vendita scaturita potrai riscuoterla senza alcun obbligo da rispettare.

Come hai potuto intuire questo sistema é un buon metodo perché non ha alcun requisito e non interferisce in alcun modo con la burocrazia Italiana.

A dirti questo non sono io, ma la legge stessa… se vuoi approfondire puoi documentarti leggendo:

Legge n. 633/1941.

Quando pubblichi il tuo libro indirettamente, hai creato un opera dell’ingegno e questo comporta a non essere obbligato ad aprire partita iva e a non dichiarare le tue entrate.

Mi raccomando non ti confondere.

Nel caso tu volessi aprire un sito dove voler vendere dei prodotti digitali quali ebook o video corsi, in quel caso questa tua attività potrebbe essere comparata ad un vero commercio elettronico.




Oltre questo, se volessi creare un tuo sito, oppure blog, con tanto di prodotti digitali e landing page varie, la vendita sarebbe continuativa e questo ti obbliga a metterti in regola con il fisco e aprire partita iva.

Altrettanto dicasi quando si vuole pubblicare opere altrui, in quel caso si diventa a tutti gli effetti un vero editore, e questo comporta ad essere un attività commerciale .

In questo paragrafo dovresti aver eliminato alcune “incertezze” che sono insite in questo mondo pieno di opportunità. Spero che inizierai a scrivere la tua opera, e iniziarla a sfruttare al meglio per migliorare notevolmente la tua condizione finanziaria.




Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.