5 credenze sul trading in borsa non vere.

Oggi vorrei condividere con te alcune informazioni riguardanti il trading in borsa.

Prima d’iniziare vorrei che tu capissi che io non sono questo “grande capitalista” che muove milioni di dollari nei vari mercati. Quello che voglio condividere con te oggi, é una sintesi di un “piccolo trader” che opera con modeste somme di denaro nei diversi mercati, e che ha detratto delle conclusioni vere in base ad alcuni risultati ottenuti.




“Ne sento di tutti i colori” in chat, e sul web per quanto riguarda il trading in borsa, e oggi dopo tanto aspettare vorrei condividere con te alcune nozioni assolutamente non vere, che sono sempre associate a questo mestiere cosi affascinante.

Logicamente questo non sarà ne il primo ne l’ultimo articolo dedito a questi concetti (ce ne sono davvero tante da dire), e proprio per questo, ti consiglio di non “perderci di vista” e di iscriverti su questo mio blog, in modo da poter rimanere aggiornato e apprendere al meglio quello che io imparo durante la mia esperienza.

E cosa molto importante, se hai domande o curiosità in merito puoi sempre lasciarmi un commento cosi potremmo scambiarci le idee e trovare le soluzioni migliori.

Giocare in borsa.

Sfatiamo questo mito di chi non conosce alcun mercato finanziario o business, e che non conosce alcun concetto di finanza personale e afferma le seguenti parole : “Giocare in borsa”.

Quando si pronunciano queste parole e come se si dicesse ad un muratore : “Vai a giocare in cantiere! “. La borsa o il trading in borsa (chiamalo come meglio credi) non é affatto un gioco, e i mercati non sono il nostro casino dove un giorno si vince e trecentosessantaquattro altri giorni si perde. Quando si opera in borsa bisogna essere consapevoli dei propri movimenti, bisogna rispettare i piani, e prendere il tutto con la massima professionalità…

Non sto dicendo nulla di nuovo, questi concetti sono validi come per tutti i lavori presenti sulla faccia della terra.

Occorrono grandi capitali per iniziare.

Questo non é del tutto falso, anche perché in base ai nostri investimenti otterremo un ritorno soddisfacente o meno, quindi se investissimo ad esempio 8,00 euro, il ritorno non sarebbe come se avessimo investito 800 euro, ma questo non comporta il fatto di  non poter iniziare a lavorare in questo settore anche perché (da un mio punto di vista) potrebbe essere ottimo iniziare a fare trading con poco capitale e successivamente aumentare in base agli introiti riscossi.

Oltre questo, bisogna capire che iniziare con un capitale basso potrebbe star a significare prendere più dimestichezza possibile con il lavoro… lo so che esiste anche un conto demo nella stragrande maggioranza dei broker, ma non so perché, con i soldi reali si presta sempre più attenzione al lavoro e ci si rende conto di come la nostra emotività incida in maniera considerevole in questo settore.




Solo i potenti guadagnano in questo settore.

Beh posso dirvi che un azienda ( o parliamo di altri mercati) cerca di ottenere dei fondi e lo fa indipendentemente da chi si trova dietro al pc; i soldi sono “accettati” da tutti, sia dal potente che muove enormi capitali sia dallo studente che cerca di “arrotondare” investendo qualcosina… Comunque alcune potenze non possono essere trascurate da questi concetti, sono successe alcune storie in passato in cui i potenti hanno tentato di manipolare alcuni mercati, ma quando si prende piena capacità di operare, non interessa cosa capita o cosa non capita nel mercato, perché con la giusta strategia ( money managment) il rischio lo decidiamo noi e nessun altro.

Ti consiglio di leggere questo articolo dove approfondisco questo tema:

Trading in borsa é rischioso ?

Non occorre formazione.

Questa é un affermazione di chi non ha ben chiaro alcun ambito lavorativo esistente. Per me ( dal mio punto di vista intendo) una corretta e giusta “dose” di formazione é necessaria per rendere il nostro lavoro e la nostra vita migliore giorno dopo giorno. Persino chi ha ottenuto successo in un determinato ambito della propria vita professionale o personale ha affermato che nonostante tutto continua ad acquistare libri, a frequentare corsi di formazione, e tanto altro, sembrerebbe davvero veritiero quel famoso detto : “nella vita o ti formi o ti fermi”.

Se vuoi un mio consiglio sincero é non smettere mai di imparare e di formarti.

Proprio per questo adesso voglio consigliarti due articoli che potrebbero tornarti utili per farti capire perfettamente questo concetto:

Ecco perché può tornare utile leggere 52 libri l’anno.

investimento sicuro al 100%

Sono necessari anni e anni di formazione prima di investire.




“Dall’altra parte della medaglia” c’é chi afferma che sono necessari anni e anni di formazione prima di operare su di un qualsiasi mercato. Questo per me non é vero, e a parlare come sempre sono i fatti e non semplici considerazioni.

Ci sono persone che hanno ottenuto successo dopo qualche anno di formazione, altri addirittura dopo alcuni mesi. Purtroppo questa é una professione a tutti gli effetti, e bisogna impararla in maniera ottimale.

Come tutte le professioni in circolazione, é necessario un periodo di apprendimento, d’altronde se dovessi diventare un elettricista non penso che chi ti assuma ti faccia cablare un quadro elettrico il primo giorno di lavoro… non credi ?

Per concludere.

Il trading in borsa e diventare trader é una cosa seria ragazzi… Qui stiamo parlando di un lavoro vero e proprio, dove in ballo ci sono i nostri soldi e forse molto di più.

Come in tutte le professioni esistenti é necessario tempo, strategia, lavoro e costanza.

Se si intraprende tutto questo con il giusto codice etico allora ( e solo allora) si otterranno dei risultati positivi.

Come sempre io spero di essere stato utile e ti consiglio la lettura di altri miei articoli :

Migliorare la propria condizione finanziaria gradualmente.

Come arricchirsi lentamente. 




Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.