//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

Perché le persone con un buon grado di istruzione finiscono in cattive economie?

Non so se ti sarà mai capitato ma in questi anni di “navigazione”sul web ho avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con persone che hanno un grado di istruzione a dir poco ammirevole, ma che (purtroppo) non godono di buone finanze.

A volte mi é capitato di ricevere email “disperate” da persone che hanno due lauree ma non riescono a sbarcare il lunario, trovandosi prima che termini il mese in una condizione economica a dir poco “catastrofica”.

Eppure ricordo perfettamente  le parole di mia madre e della società:

Studia cosi potrai laurearti e trovare un buon lavoro.”

Di scene e di parole come queste ne abbiamo “pieno il web” e sappiamo che questa frase oggi non é più valida.

Recati anche adesso se vuoi su un altro blog che tratta le mie stesse tematiche e potrai renderti conto che verranno citate queste parole di continuo.

Oltre questo, i scaffali di finanza personale hanno libri “stracolmi” di parole in cui viene affermato con assoluta certezza che  un buon grado di istruzione non evita (purtroppo)  delle probabilità di rischiare la banca rotta.

Un ottimo esempio che tutti conosciamo di un libro che tratta queste tematiche in maniera approfondita é questo qui.

Padre ricco padre povero.

Proviamo a capire il motivo e sopratutto i “perché” di come alcune persone molto preparate in ambito accademico finiscono in banca rotta.

In questo articolo condividerò con te le nozioni essenziali per apprendere nel migliore dei modi questo concetto, ma le argomentazioni sarebbero molte e molto “espansive”, quindi  ti lascerò altri miei articoli ( i link sono al termine di questo articolo) che potranno delucidarti su altre tematiche importanti che possano farti capire completamente la materia in questione.

Inizio subito nell’elencare alcune riflessioni che possono delucidarti sul perché crediamo ( e purtroppo ne siamo convinti) che un buon grado di istruzione possa “tirarci fuori” da una catastrofe finanziaria, e perché un solo titolo accademico non basta per ottenere una sicurezza economica.

Il problema della nostra scuola é che non ci istruisce sulle nostre finanze personali.

In qualsiasi universita non si parla mai di finanza personale. A volte ho scambiato quattro chiacchiere con i laureandi in economia e molti di loro non sanno la differenza tra rendita lineare o residuale tanto per fare un esempio ( se vuoi approfondire ti lascio i link di questi articoli al termine di questo articolo) pochi di loro ( specialmente ragazzi) non hanno una corretta gestione delle proprie finanze. Molti non sanno investire e non hanno ben chiaro come poter investire in una qualche soluzione sicura che possa garantirgli interessi sul capitale.

Insomma, siamo talmente concentrati a studiare una miriade di concetti che la nostra finanza personale viene trascurata fino a farci cadere in uno stato di povertà .

Purtroppo alcune accademie sono davvero ottime, ma non vogliono istruire i loro studenti con concetti che potrebbero aiutarli a migliorare le proprie economie.

Quale materia sarebbe utile studiare per migliorare le proprie finanze?

Esiste una materia “di tendenza” specialmente in America che tratta dei concetti di istruzione finanziaria.

Ne ho gia parlato in diversi miei articoli e lo speaker finanziario migliore al mondo che tratta nel modo più semplice possibile questi concetti é senza ombra di dubbio  Robert Kiyosaki ha scritto diversi libri al riguardo…

Un libro che personalmente mi ha “illuminato” quando ho terminato di leggerlo é stato  i quadranti del cashflow.

Nessuno ti insegna ad investire.

Non so se sei un laureato  oppure no. Ma ho potuto constatare sulla “mia pelle” che chi studia economia o facoltà simili non riceve un buon grado di istruzione per quanto riguarda Investimenti o avvio e gestione di una propria azienda. Si certo si parla spesso di crowdfunding o del mercato azionario, a quanto ho potuto capire questi sono concetti citati spesso, ma come ci si deve comportare all’interno di un azienda? come si diventa Ceo di un azienda? Oppure come si investe nel mercato azionario (o altri mercati) senza correre troppi rischi ?

Nessuno te lo dice.

La nostra cultura ci ha spinto a studiare tanto e  investire il meno possibile per tutelare ( apparentemente) il proprio patrimonio. Ma chi gode di buone finanze spesso é proprio chi sa investire saggiamente il proprio capitale, e chi é titolare di un azienda oppure di un attivo.

Purtroppo la maggior parte dell’istruzione insegna a lavorare per qualcuno e a lavorare per denaro.

Purtroppo quando si sceglie un università, spesso é con un preciso scopo di trovare un buon lavoro oppure di svolgere un ottima professione. Purtroppo se lavori come dipendente oppure vuoi svolgere una qualche professione, avrai un limite sui tuoi guadagni non godrai di molto tempo per stare con i tuoi cari ( non sempre questo accade ma oggi di casi di questo tipo sono molto frequenti) e sarai super tassato anche se la tua professione é una delle più rinomate.

Le scuole oggi ti offrono istruzione per lavorare per qualcuno o per svolgere una professione. Non ti insegnano a creare attivi oppure a far lavorare il denaro al tuo posto, e questo comporta ad un declino finanziario considerevole.

I genitori non ti danno una mano.

I tuoi genitori inconsapevolmente non ti danno una grande mano. Spesso sento madri e padri di famiglia che “spingono”  i proprio figli a prendere indirizzi accademici che loro stessi consigliano.  Questo perché o loro hanno riscontrato dei buoni risultati, oppure perché hanno avuto amici e parenti che laureandosi hanno ottenuto dei vantaggi economici. Questa teoria era valida in una generazione precedente, oggi sembrerebbe che un ragazzino che ancora non ha raggiunto i “venti”, dalla sua cameretta gira dei video su YouTube e sembrerebbe  sia più ricco di un avvocato che lavora 16 ore al giorno. Questo perché il lavoro ( come tutto il resto) ha subito dei cambiamenti considerevoli e noi dovremmo imparare a evolvere assieme ad esso.

A tal proposito ti consiglio di vedere un film che mi ha aperto gli occhi su quanto detto dei genitori:

https://amzn.to/2PJsiQU

Quindi mi stai dicendo che prendere una laurea é sbagliato ?

Assolutamente no ! Credo che qualsiasi forma di cultura sia importante e che un ottima istruzione possa tornarci utile in una miriade di circostanze, il mio consiglio é quello di istruirsi nel migliore dei modi, ma di avere sempre un “occhio di riguardo” sull’economia e dove si stia dirigendo realmente .

Per concludere.

Studia prendi dei bei voti, e laureati non sono sinonimi di ricchezza e tanto meno di sicurezza. Ti consiglio con tutto me stesso di tenerti aggiornato su come tutelare il tuo capitale, come proteggere il tuo capitale, come riscuotere interessi da esso e come creare più rendite.

Io ti lascio ma voglio consigliarti alcuni libri che potranno delucidarti su queste tematiche divenute ormai importantissime:

L’uomo più ricco di babilonia.

Padre ricco, padre povero.

Alcuni miei articoli interessanti:

Le cinque leggi dell’uomo più ricco di babilonia.

Il denaro si guadagna o si perde.

10 modi per creare una rendita passiva partendo da zero.

Si può spendere meno e vivere felici ?

Differenza tra rendita automatica e semiautomatica.

Perché sei povero ?

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.