//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

Inps…conviene investire ?

Qualche giorno fa stavo leggendo (a dire il vero ancora lo devo finire di leggere ma la voglia di scrivere questo articolo era incontrollabile 🙂 ) il libro “la pensione quando vuoi tu” e ad un momento interessante del libro l’autore si sofferma su un fatto molto curioso  e potrebbe davvero interessarti :).

L’autore ha condiviso con i suoi lettori una riflessione a cui non tutti fanno caso (incluso me ).

Ora mettiti comodo perché oggi parleremo dell’inps e andremo a capire insieme se davvero i nostri soldi siano al sicuro come vogliono farci pensare, e se riusciremo un giorno a beneficiare di un ottima liquidità (pensione) o se dovremmo tutelarci in un altro modo.

Ma aspetta un momento…andiamo per gradi :

Che cos’é questa Inps ?

Forse questa spiegazione sembrerà banale per alcuni di voi, ma é giusto ricordare che cosa sia realmente l’inps (istituto nazionale previdenza sociale).

Possiamo affermare che “quest’organo statale”  potrà contribuire a liquidare tramite le cosidette pensioni tutti i cittadini che hanno raggiunto un età pensionabile.

Per beneficiare di “questa pensione” ogni lavoratore dovrà versare il proprio contributo a quest’organo (in genere ogni mese) in modo che in futuro si possa godere finalmente dei propri fondi versati. In parole semplici si dovranno versare dei soldi per ricevere in cambio altri soldi.

Attualmente ( dal momento in cui sto scrivendo questo articolo) l’eta pensionabile si aggira attorno ai 67 anni e sono necessari 20 anni di contributi versati. Non so perché, ma credo che andando avanti ci siano dei costanti aumenti sull’età , sembrerebbe come se i requisiti attuali vengano aggiornati apportando un incremento sull’età pensionabile… a dire il vero non sono l’unico che la pensa in questo modo, e mi é parso di intuire che l’autore di “la pensione quando vuoi tu” sia d’accordo con quanto affermato in questo paragrafo.

Versare i contributi

Sia che tu abbia partita iva, o abbia il tuo posto fisso in azienda ( o statale), tu o il tuo datore di lavoro dovrete versare dei contributi nel fondo Inps, in modo che la stessa possa “accantonare” i vostri risparmi e restituirveli in futuro con degli interessi (etá pensionabile). Siamo abituati in questo modo, infondo , lavoriamo duramente, mettiamo i soldini da parte versiamo i contribuiti, e arrivati alla vecchiaia possiamo ricevere i nostri soldi mensilmente senza far nulla, questo perché abbiamo versato dei contributi prima (molti contributi).

Come fa l’inps a restituire il capitale ?

Sinceramente non so che piano di investimenti abbia quest’organo, non so di alcuna procedura di nessun piano di investimento o quant’altro. Te ne sarei immensamente grato (se tu conoscessi qualcosa in merito), di farmelo sapere magari lasciandomi un commento qui sotto o per email.

So solamente che fin’ora chi si é affidato all’inps e ha rispettato i suoi requisiti adesso può beneficiare di una pensione statale.

INPS é sufficiente per rimanere al sicuro?

Per me chi fa affidamento solo ed esclusivamente all’inps sbaglia e adesso andremo ad capire il perché… Inps aumenta (sembrerebbe di anno in anno) l’eta pensionabile e questo a mio avviso ( parere dell’autore) non é affatto positivo. Se dovesse aumentare continuamente ogni anno l’eta pensionabile in pensione un domani ci andranno in pochi, saranno davvero in pochi coloro che potranno beneficiare di tale supporto.

Un altro fattore che dovrebbe far riflettere coloro che stanno depositando unicamente i soldi ( contributi) in un fondo inps, é che devono tenere ben in testa che questa é un “unica soluzione”.

Un unica soluzione negli investimenti e nei depositi non porta quasi mai a nulla di buono. Se vogliamo dimezzare il rischio e cercare di non perdere il capitale, non dovremmo mai affidarci ad un unica soluzione, ma a più soluzioni sicure (questo é sempre il parere dell’autore).

Non dobbiamo dimenticare inoltre che sembrerebbe non essere legata ai nostri contributi alcuna assicurazione, infatti se dovesse capitare qualcosa al contribuente (causa di forza maggiore) gli anni di contributi (una grande percentuale) andrà persa, é vero che i coniugi hanno diritto all reversibilità ma per noi poveri “scapoli” non ci sono molte alternative 🙂

Dovremmo essere noi a versare dei fondi, controllarli,tutelarli e ritirarli quando vorremo noi…

Quali alternative abbiamo alla pensione Inps ?

Di alternative ne abbiamo diverse, prima di tutto, voglio ricordarti che se hai un unica entrata ( proveniente dal tuo lavoro) ti consiglio di lavorare per creare più entrate; oggi grazie al web non é impossibile, potresti persino associare il tuo lavoro attuale con un sistema sul web automatizzato, in questo modo avrai più probabilità di “centrare il segno”…

ti faccio un esempio banale :

Se vendi caramelle potresti aprire un canale YouTube con dei video tutorial dove spieghi “come preparare le tue caramelle più gustose”, quali sono i migliori prodotti da utilizzare e via discorrendo, non ti preoccupare se adesso non hai molte idee per la testa, vedrai che una volta che avrai aperto il tuo canale e creato i tuoi primi video successivamente ti verranno in mente altri video da poter caricare.

Ora che abbiamo visto come poter creare una seconda entrata grazie al web, dovrai “focalizzarti” sui tuoi investimenti.

In questo blog ho promosso diversi sistemi e addirittura portali che possono permetterti di guadagnare interessi sul tuo denaro, potrai andare in home al seguente indirizzo: http://stefanopacilli.net e cercare l’articolo ( e di conseguenza il prodotto) che potrebbe fare al caso tuo, in questo modo avrai diversificato sui tuoi investimenti, non dovrai affidarti unicamente all’inps per la tua pensione e un domani potrai beneficiare di più entrate e quindi di più denaro. Ora ti consiglio alcuni articoli da leggere assolutamente se sei a “digiuno” sui concetti base per il miglioramento della propria condizione finanziaria:

Gestione del denaro : Dopo la lettura di questo articolo potrai imparare a gestire al meglio il tuo denaro, e potrai capire quali soldi investire quali depositare e via discorrendo. Potrai leggere l’articolo anche subito se vuoi cliccando qui : Impara a gestire al meglio le tue finanze.

10 modi per creare una rendita passiva sul web partendo da zero: Qui spiego 10 modi che puoi utilizzare anche da domani per creare una rendita passiva sul web. é un articolo molto interessante e te ne consiglio la lettura: 10 modi per creare una rendita passiva sul web partendo da zero.

Ti consiglio comunque di dare un “occhiata” a tutti i miei articoli in modo da capire come poter migliorare la tua attuale condizione finanziaria. Sono sicuro che troverai articoli molto interessanti e molto utili.

Ti mando un grande saluto… ah quasi dimenticavo… se vuoi essere aggiornato sui miei contenuti migliori allora compila questo form gratuito e verrai contattato ogni volta che avrò materiale da mostrare al pubblico.




Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.