//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

DEBITO BUONO debito cattivo, come indebitarsi per migliorare finanziariamente.

Capita spesso, specialmente nel nostro “bel paese” Italia ,di cercare lavoro e subito dopo 2 o 3 buste paga recarsi in un istituto di credito per richiedere immediatamente del denaro da poter spendere.

Ho visto in molti casi persone comuni con una busta paga da 1200-1500 euro indebitarsi oltre le proprie possibilità con auto che non possono permettersi o case che li costringeranno a lavorare a vita per risarcire i loro “pesanti” mutui.

A volte il togliersi “uno sfizio” é il miglior modo per ottenere una soddisfazione immediata, il brutto in tutto questo, é che si ottiene subito soddisfazione  e un attimo dopo (o qualche giorno o mese ) il nostro acquisto diventa già superfluo quasi noioso (questo accade in moltissimi casi)…

Ma non voglio scrivere un articolo sugli effetti psicologici causati dai tuoi bonifici inviati inutilmente , voglio offrirti una mia opinione (spero buona) sul debito buono e il debito cattivo.

Prima di continuare con la lettura sappi che Robert Kiyosaki ha scritto un libro proprio su queste tematiche, quindi una volta che avrai terminato di leggere questo articolo, recati su Amazon (clicca qui), “riempi” il carrello e inizia a leggere :)… ma per il momento…puoi continuare la lettura.

I debiti non sono tutti uguali, esistono debiti che possano far entrare altro denaro con interessi e altri debiti che ci fanno perdere denaro inutilmente (debiti buoni e debiti cattivi).

Ora voglio farti un esempio di debito cattivo e di debito buono, ma prima di continuare sappi che in base alle circostanze il nostro debito può essere differente e in alcuni casi, quello che potrebbe sembrare agli occhi di tutti un debito cattivo, potrà rivelarsi essere  un debito buono.

Ora però voglio descriverti due esempi in modo che tu possa capire cosa é un debito buono e un debito cattivo.

Esempio di debito cattivo.

“Mario” riceve conferma del suo nuovo posto di lavoro, é stato finalmente assunto ! e dopo questa straordinaria e “rara” notizia (Mario é Italiano) Mario si reca a lavoro ogni giorno lavorando duramente per arrivare al suo stipendio di volta in volta, mese dopo mese.

Mario nota che dispone finalmente di un entrata sicura (apparentemente sicura) e decide di darsi una “scarica di adrenalina” acquistando qualcosa…ma cosa ?

Mario cerca in lungo e in largo come “sperperare” il suo denaro e ad un certo punto trova la pubblicità di una concessionaria dove la stessa propone l’acquisto di una nuova auto con soli euro ….. con teag e tan  a cifre “esorbitanti”.

Mario é accecato dal “bagliore” di quella inserzione e senza esitare si reca nel suo istituto di credito preferito e si fa concedere un prestito per acquistare la sua bella auto che costa come 15 anni di duro lavoro presso la sua azienda.

Cosi Mario invia il bonifico alla concessionaria e va a ritirare la sua nuova auto, la vecchia auto che tra l’altro funzionava benissimo é stata data indietro per quattro lire, ma a lui non interessa perché ha la sua nuova auto e la sua (apparente) sicurezza … il posto fisso .

Ora andiamo ad analizzare la situazione di Mario.

Mario non ha molti attivi (come hai potuto constatare) ha solamente il suo lavoro che rende la sua situazione finanziaria “molto pericolosa”, il motivo é che se quell’unico attivo dovesse fermarsi Mario non ha più fonti di reddito e non dispone più di  entrate monetarie.

Mario ha destinato la sua unica entrata in un debito cattivo, questo vuol dire che andando avanti sicuramente perderà denaro in maniera residuale.

La situazione di Mario (a livello finanziario) é “catastrofica”, ha un unica entrata, non é un entrata sicura e in più ha dei debiti per qualcosa che non produce altro denaro….

Mario si é indebitato negativamente solo per avere una gratificazione immediata oltretutto, Mario ha acquistato un auto che non può permettersi fingendosi ricco, quando realmente non lo é.

Invece Simone (nome a caso) ha pensato di indebitarsi per generare un attivo in questo modo.

Simone ha un posto di lavoro e una macchina che non é l’ultimo modello da autosalone, ma va ancora benissimo.

Simone ha accettato il suo posto di lavoro e per il momento questa é la sua unica “entrata” .

Simone decide seriamente di creare un ulteriore entrata e cosi, fa qualche giro nel suo quartiere analizzando le possibili opportunità che quell’ambiente gli concede.

Simone é davvero intenzionato a creare un “attivo”(entrata) e vuole realizzarlo a tutti i costi senza che impegni completamente il suo tempo…

Simone camminando nel suo quartiere  nota che ci sono sempre persone che camminano a “destra e a manca”, facendo lunghe passeggiate oppure persone di corsa per andare a lavoro, oppure persone che fanno footing.

Cosi dopo aver visto tutto quel “tram tram” a Simone gli si accende una “lampadina” e decide di aprire un negozio di distributori automatici che erogano snack, caffè, e tanto tanto altro “sfruttando” l’enorme traffico di quella zona.

Non perde più tempo e inizia a “sondare” il terreno nel tentativo di concludere un buon affare immobiliare; trova dopo giorni e giorni di ricerca un garage malandato, ma non da ristrutturare che con qualche soldo può farlo tornare al suo stadio originale (in buone condizioni).

Simone parla con il proprietario e decide di concludere l’affare acquistando l’immobile per 40.000 (quarantamila) euro, oltre questo Simone, fa una ricerca on line e decide di aderire ad un franchising di distributori automatici pagando 20.000  tutti i distributori di cui necessitá per poter avviare la sua attività .

Simone si “mette” a tavolino e calcola che il suo debito equivale a 60.000 euro per avviare la sua nuova attività. Prende un contratto tramite il suo istituto di credito e si fa prestare il denaro restituendo mensilmente 1000 (mille) euro fino a risarcire completamente il prestito.

Ha calcolato che la sua nuova attività gli produce la bellezza di 2000 (duemila) euro al mese lorde.

Dopo aver stimato le varie spese per l’attività inps, inail, luce e gas (calcolo approssimativo) Simone arriva alla conclusione di aver introiti pari a 500 euro al mese nette.

Simone attualmente si é indebitato per far “guadagnare” il suo denaro e creare un attivo e quindi, si é appena guadagnato il titolo di debitore buono (oltre che intelligente).

Queste sono state due semplici storie inventate ma che potrebbero farti riflettere ogni qual volta che vorresti indebitarti inutilmente.

Ora voglio consigliarti assolutamente la lettura di questo mio ulteriore articolo:

Tutorial sulla ricchezza

e se vuoi crearti degli attivi on line (scelta ULTRAconsigliata) ti suggerisco di recarti nella mia area corsi da qui e scegliere quale corso acquistare che possa fare al caso tuo per creare da subito il tuo attivo (o più attivi online) .

Io spero con tutto me stesso che questa storia “ti abbia” aperto gli occhi sui debiti e che non farai lo stesso sbaglio di “Mario” nell’indebitarti in qualcosa di cui non hai bisogno, ma “imiterai” Simone nel creare un attivo che ti faccia guadagnare altro denaro dai tuoi debiti.

Ti consiglio la lettura di questi miei articoli per approfondire tutte le tematiche:

5 metodi per guadagnare sul web partendo da zero.

I pilastri della ricchezza quali sono e come beneficiarne.

Network marketing utilizzato come leva per guadagnare sempre.

I miei corsi : http://stefanopacilli.net/corsi/

Prima di darti ulteriori informazioni "fichissime", ti andrebbe di condividere questo articolo ? A te non costa assolutamente nulla a me dai una mano per farmi conoscere 🙂 grazieShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.